Accedi
Registrazione
Buon Giorno, oggi è | mercoledì 19 giugno 2024
 Cerca
    LabelRss ForumBlog
    Ambiente e territorio

    Parco Urbano Lama Belvedere - La flora vascolareParco Urbano Lama Belvedere - La flora vascolare

    Per flora si intende l'insieme delle specie vegetali presenti in una determinata area.
    La flora di un territorio è un lavoro con carattere preminentemente descrittivo; essa contiene l'enumerazione completa di tutte le specie presenti nella zona considerata, ordinate secondo un criterio logico che permetta di ritrovarle agevolmente.
    Ogni specie è presente, con le proprie popolazioni, su una certa area del pianeta (areale), che rappresenta il risultato della sua evoluzione e di quanto la specie sia stata capace di espandersi superando ostacoli interni (genetici e biologici) ed esterni (ambientali).
    Naturalmente l'areale di una specie è in sintonia con i caratteri climatico-pedologici del territorio e i suoi confini sono per lo più imposti da sostanziali cambiamenti climatici dovuti al variare della latitudine, dell'altitudine e dalla distanza dei luoghi dalle masse oceaniche.

    Il clima di Lama Belvedere è di tipo mediterraneo, caratterizzato da inverni miti ed estati calde con precipitazioni abbondanti in autunno e primavera ma quasi assenti in estate.
    Si è visto inoltre che la somma delle temperature medie dei mesi di gennaio e febbraio è di 19 C°; questi valori termici invernali indicano la potenziale presenza della lecceta.
    Le leccete pugliesi si rinvengono in distretti climatici abbastanza caratterizzati dove l'evapotraspirazione potenziale deve essere compresa tra 820 e 860 mm, le precipitazioni medie annue devono risultare superiori a 600 mm e la temperatura media annua intorno ai 16°C.
    Il valore dell'evapotraspirazione reale annua nell'area delle leccete è sempre superiore a 400 mm mentre il surplus idrico non sembra essere significativo al contrario del deficit che risulta sempre inferiore a -400 mm.

    Dai dati ottenuti e per la documentata presenza di una piccola area in cui è presente una macchia alta a Leccio, si può con certezza identificare l'area di Lama Belvedere all'interno dell'orizzonte della lecceta mediterranea ovvero nell'alleanza Quercion ilicis.
    In quest'alleanza, accanto al leccio (Quercus ilex L.), troviamo altre specie arboree ed arbustive come il terebinto (Pistacia terebintus L.), il lentisco (Pistacia lentiscus L.) il biancospino (Crataegus monogyna subsp. monogyna Jacq), e liane ed arbusti come il rovo (Rubus ulmifolius Schott), l'asparago pungente (Asparagus acutifolius L.), la vitalba (Clematis vitalba L.), la rosa selvatica (Rosa sempervirens L.), l'edera (Edera helix L.), la salsapariglia (Smilax aspera L.) ed il timo (Thymus capitatus (L.) Hoffmannsegg), tutte essenze tipiche della Macchia Mediterranea.
    Tutto ciò è confermato ulteriormente dal fatto che i fianchi della scarpata Nord-Occidentale delle Murge, che va da Monopoli ad Ostuni e che si protende in avanti verso la fascia a coltura di ulivi, sono in gran parte ricoperti da una vegetazione che sarebbe inquadrabile nei normali schemi della lecceta mediterranea.


    Famiglia orchidaceae

    Altre specie


     

    Ulteriori approfondimenti: www.lamedimonopoli.it

    I contenuti delle schede sono a cura del Dott. Francesco Angiulli (Dottore in Scienze Naturali)

    Foto di Francesco Angiulli e di Giuseppe Silletti


    Ricerche a cura di Adriana Veneziani e Gaetano Morè
    Servizio Civile 2012 - Comune di Monopoli «Progetto Monopoli 4R-Verso il Parco Cittadino»
    [Giugno 2013]
    Lama Belvedere

    Link correlati

     
    Posta Elettronica Certificata:
    comune@pec.comune.monopoli.ba.it
    Copyright © 2009-2010  - 
    Mappa del Sito -Note Legali -Accessibilità e Usabilità -Dichiarazione di Accessibilità -Storia del Sito